Il Grande Teatro e le Storie di Francesco Edallo

PrestAbiti

PrestAbiti un sito creato da volontari per gestire il lascito di abiti di scena

Compagnia del Santuario

Rassegna stampa

Data: sabato 22 aprile 2017

Testata: Il Nuovo Torrazzo

Teatro a pezzi, risate e convinti applausi

di MARA ZANOTTI

Yetta Clark, Ombretta Cè e il presidente della Fondazione San Domenico Giuseppe Strada hanno ufficialmente aperto la rassegna Cremainscena mercoledì 19 aprile alle ore 21 in teatro. Come ormai consuetudine il primo spettacolo è stato affidato al debutto del nuovo lavoro della Compagnia del Santuario, 'figlia' della passione di Checco Edallo e ora, dopo la sua prematura scomparsa, affidata alla regia di Andrea Zecchini, che, dopo tanti anni da attore, si è cimentato in questo ruolo. Teatro a pezzi è l'intelligente titolo del lavoro: a pezzi perché sono stati proposti alcuni sketch e brevissimi monologhi che si sono nettamente staccati dalle tradizionali commedie scritte da Edallo. Ma 'a pezzi' anche perché il momento che gli spettacoli dal vivo stanno vivendo è difficile e sebbene le compagnie e le sale teatrali resistano con orgoglio e forza, lavorando al meglio, l'attenzione del pubblico giovane, quindi quello di domani, è sempre più difficile da intercettare. Mercoledì sera tuttavia la platea, comunque numerosa, era formata da tanti giovani, amici o parenti degli attori in scena quindi, i 'pezzi' si possono ricomporre con un lavoro serio e tanta passione. Alcuni sketch hanno funzionato molto bene, dal mitico sarchiapone all'amore così grande che per resistere aveva bisogno di una pistola caricata a salve, e ancora tanti giochi di parole, un rincorrersi di termini simili ma differenti nel significato ('naturale', 'sette' etc...). Tuttavia la parte finale dello spettacolo, affidata ai brevi monologhi, non ha convinto del tutto, sebbene chiara nella sua volontà di porre ciascuno di fronte a se stesso, alle proprie aspettative, in fondo, alla vita. La soluzione di allestire uno `specchio' in scena è stata ottima: forse le parole avrebbero dovuto essere più incisive. Nel complesso uno spettacolo gradevole che ha strappato risate e applausi; per Zecchini un debutto alla regia positivo. Doveroso menzionare tutti i bravi attori: Giovanni e Valentina Bonizzi, Vincenza Brazzoli, Diana Cazzulani, Viviana Crippa, Davide e Martina Patrini, Annalisa Radici, Claudio Brown, Antonio Conca e Rachele Crotti. Valerio Baggio ha accompagnato al pianoforte mentre Franca Firmi ha curato i costumi con la consueta creatività. Alla prossima!

 Elenco articoli